Scandalo sul ghiaccio. La vera storia di Tonya Harding

«Tonya» è stato uno dei film più mediatici degli ultimi mesi. Praticamente dallo scorso autunno, negli Stati Uniti non si è parlato di nient’altro. Anni dopo, quando il dramma sembrava dimenticato, la storia di Tonya Harding e Nancy Kerrigan è tornato in prima pagina, anche se questa volta è stato sotto forma di un film biografico, disponibile nelle sale cinematografiche di Uci Cinema, quali uci cinema orio, uci cinema jesi o uci cinema fano, interpretato da una meravigliosa Margot Robbie.

Il film è riuscito a catturare milioni di persone in tutto il mondo, saltando senza sforzo attraverso i confini degli Stati Uniti, qualcosa che potrebbe sorprendere. Sebbene il nome di Tonya Harding continua a risuonare in tutti gli angoli, essendo uno dei più noti a livello nazionale, ma non nel resto del mondo, dove praticamente nessuno sapeva chi era Tonya Harding, interpretata da margot robbie. Tuttavia, questo non ha impedito al film di trionfare. Ora che siamo rimasti tutti stupiti, non solo con la grande qualità del film, ma con quello che ci dice, è tempo per noi di conoscere quel grande mistero che è stato per tutti noi la vita di Tonya Harding, così come l’inferno che mostra in «Tonya».

La rivalità instaurata a metà degli anni ’90 tra Tonya Harding e Nancy Kerrigan, le due migliori pattinatrici sul ghiaccio negli Stati Uniti, fu davvero brutale ed ora è rappresentato nel rappresentata nella tonya harding movie. La prima era l’immagine della classe inferiore, una donna che aveva sofferto assolutamente ogni tipo di vessazioni durante la sua vita e che continuava a soffrire… era il brutto anatroccolo. La seconda, al contrario, era la rappresentazione di quelle famiglie perfette che ci avevano sempre venduto, il sogno americano, la principessa delle fiabe.

Lo scoppio di questa rivalità arrivò nella preparazione delle olimpiadi invernali di Lillehammer 1994. Durante un allenamento, un uomo misterioso ha attaccato Kerrigan, colpendola con una sbarra di ferro sulle sue ginocchia ripetutamente. Le immagini post-attacco sono ancora nella memoria di tutti gli americani. Non passò molto tempo prima che l’opinione pubblica incolpasse Tonya Harding per ciò che era accaduto alla sua rivale. Inoltre, l’arresto del suo marito e di un suo amico, l’autore materiale dell’attacco, confermarono presto i sospetti di tutti. Il brutto anatroccolo divenne così un demone, un’appestata e l’immagine di tutto ciò che gli Stati Uniti disprezzano. Eppure, non è mai stata accusata di un modo formale.

Suo marito, che nel film è interpretato da Sebastian Stan, come il resto dei suoi amici, ha accusato Tonya, interpretata nel film da margot robbie i tonya, di essere il cervello dell’operazione, qualcosa che lei ha sempre negato. Anche se ha partecipato alle Olimpiadi di 1994, questo non è stato altro che la conferma che il suo successo e il suo sogno erano giunti alla termine. Successivamente, Tonya ha confessato che poco dopo l’attacco ha saputo che era stato suo marito a programmarlo e quindi, ufficialmente, fu ritirata da ogni competizione.

Ora sappiamo, grazie alle interviste rilasciate in seguito, che Tonya Harding,  protagonista del tonya film, non ha accusato il suo marito per paura dei maltrattamenti a cui l’ha sottoposta, un maltrattamento che vediamo riflesso nel film. Inoltre, la skater ha anche confessato che dopo averlo accusato, l’ha violentata con un amico. Come potete vedere, una vita oscura e piena di dolore e che, tuttavia, non sembra sufficiente a eliminare quella demonizzazione di Tonya Harding che esiste ancora negli Stati Uniti.

In effetti, c’è chi accusa il film «Tonya», disponibile prossimamente su Mediaset Premium (cui numero verde mediaset premium è disponibile sul nostro elenco telefonico telefonoassistenza.net), di essere troppo benevolo con la pattinatrice. Come dice tonya harding oggi e nel film, negli Stati Uniti sono sempre alla ricerca di qualcuno da adorare e qualcuno da odiare. È chiaro a chi appartiene il secondo ruolo. La cosa più curiosa è che ancora non è chiaro se è stata coinvolta nell’attacco alla sua rivale. Un mistero che, a quanto pare, non sarà mai risolto…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn



Lascia una risposta



Utilizziamo Cookies proprie e di terze parti per migliorare i nostri servizi e mostrare pubblicità basata nelle sue preferenze, tramite un analisi delle sue abitudini di navigazione. Consideriamo che ne accetta l´utilizzo se continua con la navigazione. Può ottenere ulteriori informazioni, oppure sapere come cambiarne la configurazione nella nostra Politica di Cookies.